Bookgramers: lo storytelling passa dai social

Caro lettore, continuano le interviste su FG Servizi Editoriali. Oggi ho il piacere di presentarti, come mie ospiti, tre donne molto attive su Instagram che, con i loro profili, parlano delle letture e dei libri ai fan. Possiamo chiamarle bookgramers.

E queste solo le loro storie.

Le vostre pagine su Instagram hanno nomi molto particolari: La Lettrice Segreta, Ottoecinque e Il club dei lettori solitari. Da dove derivano?

Lettrice Segreta: Il nickname “La Lettrice Segreta” mi accompagna da quasi quattro anni. Quando, a febbraio 2014, decisi di aprire il mio blog letterario Le Parole Segrete dei Libri non volevo firmare ogni articolo con nome e cognome. Optai quindi per una identità misteriosa, ma che profumasse di carta e inchiostro. Da qui è nato tutto: anche se negli anni ho poi rivelato la mia identità, firmare ogni articolo e ogni foto come la Lettrice Segreta è diventato parte di me.

Il club dei lettori solitari: Mi piaceva l’idea di riunire in un club virtuale chi, come me, vive la lettura come un’esperienza intima accompagnata dalla sola compagnia dei personaggi delle storie che leggiamo.

ottoec

Otto e cinque: un appuntamento irrinunciabile su Instagram.

Ottoecinque: La scelta del nome è stata piuttosto veloce. Volevo che fosse in italiano, semplice da ricordare e che si prestasse a diventare un hashtag personale, in grado di identificarmi. Alla fine ho optato per Ottoecinque perché è l’ora della giornata che preferisco, quella in cui posso finalmente mettermi sul divano e rilassarmi un po’… Magari con un buon libro!

Quali sono le linee editoriali e le strategie che usate per pubblicare e ricevere like su Instagram?

Lettrice Segreta: Non c’è una vera e propria strategia: pubblico ciò che mi piace. Affido al mio gusto personale e all’istinto la scelta di cosa mettere online e cosa no. Quando devo pubblicare una foto cerco di trasformare le idee che passano per la mia mente in scatti e poi fra i tanti scelgo ciò che mi soddisfa al 100%. Magari se penso a qualcosa di più particolare in mente, provo anche un piccolo lavoro di fotoritocco. Il segreto è sempre divertirsi e far trasparire se stessi nelle fotografie.

ilclubdeilettorisolitari

Il logo del Club dei Lettori Solitari. Com’è nato? Lo scopriremo insieme la prossima settimana.

Il club dei lettori solitari: Il blog è nato per dare consigli di lettura, per condividere le letture e le relative opinioni sui titoli scelti. Cerco di pubblicare almeno una foto al giorno di libri che, chiaramente, non sono sempre quelli che sto leggendo perché sarebbe impossibile! Quindi almeno un libro a settimana in lettura, più altri che hanno trama o titolo o di cui l’autore ha a che fare con un determinato argomento o avvenimento del giorno. Ultimamente sto dedicando post e foto anche alla sezione primavera del blog (dedicata agli autori emergenti) e sto testando il ritorno che potrebbero avere post e foto di una potenziale futura sezione “non solo libri”.

Ottoecinque: La pagina è nata da poco, per cui ancora non ho una linea editoriale del tutto definita. Quello che cerco di fare è di pubblicare sempre alla stessa ora (le Ottoecinque, per l’appunto) almeno 3-4 volte alla settimana, con l’esclusione del sabato. A differenza di tutti gli altri giorni, in cui posto fotografie dei libri che ho letto, la domenica è dedicata agli aforismi e alle frasi celebri sulla lettura, e la foto è in bianco e nero anziché a colori.

Da dove nasce la passione per i libri?

Collage LA LETTRICE SEGRETA

La Lettrice Segreta: libri, tazzine e bellissimi disegni.

Lettrice Segreta: Il mio amore per la lettura è nato relativamente tardi, quando avevo diciott’anni. I libri sono entrati nella mia vita esattamente nel momento in cui avevo bisogno di loro, mi sono aggrappata alle pagine quando la mia esistenza stava crollando in tanti piccoli pezzi. Carta e inchiostro (e l’affetto di chi mi ha sempre voluto bene) li hanno pazientemente ricuciti insieme. Parlare di letteratura ed editoria online è il mio modo per “sdebitarmi”, ma soprattutto per condividere con altri questa grande passione e incontrare bibliofili di ogni angolo del globo.

Il club dei lettori solitari: Non saprei di preciso. Senza dubbio c’è una buona dose di background familiare: i miei genitori hanno sempre letto e in casa ci sono tanti libri da quando ero piccola; anche i miei nonni avevano una biblioteca invidiabile e capitava che trascorressi dei pomeriggi con la nonna a riordinare i libri per autore; infine un po’ di merito è da attribuire a un’ottima insegnante di lettere alle superiori.

Ottoecinque: La passione per i libri nasce sicuramente dai miei genitori. Casa loro è sempre stata piena di libri, pensa che c’è uno stanzino dedicato alla lettura che chiamavamo “la biblioteca”! Mia mamma e mio papà mi hanno sempre incoraggiata a leggere: ho iniziato dai libri che trovavo sparsi per casa e non ho più smesso.

La seconda parte dell’intervista la troverai martedì 24 sulla sezione blog. Hai anche tu domande per le bookgramers? Inviamele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...