Vita da editor – parte 3

Caro lettore, questa è una saga. Prima di continuare leggi la puntata numero 1 qui

La scorsa settimana ci eravamo lasciati con un’analisi, più o meno approfondita ma sincera, di una cosa che può succedere a tutti quando ci si trova davanti all’impellenza di scrivere qualcosa: il blocco dello scrittore.

Per questa puntata, e fino a poco fa in realtà, sembrava filare tutto liscio. Certo, non che non ci fossero grane (o “rogne”, come si dice dalle mie parti), ma era tutto nella norma. Mail di spam in posta prioritaria, telefonate insistenti di imbonitori, mezzi pubblici ballerini e così via. Insomma la norma.

Tutto, fino a quando non è tornato lui: il bug di Word.

Stavo scrivendo – lo so, inizia a essere ripetitivo come incipit del racconto, ma è quello che faccio praticamente tutto il giorno tutti i giorni; sono una secchiona noiosina – ed ero anche molto soddisfatta di quello che avevo prodotto. E, essendo per l’appunto una secchiona noiosina, salvo il file con scioltezza e rilassatezza. Praticamente ogni minuto, secondo più secondo meno. Delle volte anche con due clic consecutivi, ché non si sa mai.

social-1206612.png

E, sempre perché sono una rompiballe nel mio lavoro (e più di qualcuno direbbe sempre), riapro il file per rivedere una cosa. Ed ecco che davanti a me si staglia il Male: Word non ha salvato una parte di quello che ho scritto. Le provo tutte, sapendo già che purtroppo il destino è segnato: lo devo riscrivere.

Dopo essermi calmata, perché posso affermare con tutta franchezza che mi girassero a elica, ho riscritto la parte mancante. Che mi piace di più della prima versione.

Questo è un esempio di quello che gli americani definiscono con: When life gives you lemons, make lemonade, Quando la vita di dà limoni fanne limonata. E, nel mio caso e in quello di tutti coloro cui è capitato, quando Word non salva quello che scrivi, riscrivilo meglio di prima

Fammi sapere cosa ne pensi. Seguimi su Instagram e Facebook: @fgservizieditoriali. Per collaborazioni o informazioni clicca qui. A questo link la puntata 4.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...